mercoledì 31 agosto 2011

f/f

tornare indietro e non riconoscere niente.
la gente continua a chiedermi a cosa penso,a dirmi che ho la testa altrove.
penso ad sms che non arrivano mai, alle serate passate a fumare sugli scogli, spalla contro spalla, occhi rossi. alle vans ancora piene della sabbia che non ho voglia di scuotere via.
le canzoni stupide, l'ultima notte, nostalgia di cose che non succederanno mai

vorrei risentire il peso della tua testa appoggiata sulla mia
appartenere, aspettarsi, sfiorarsi le ginocchia

2 commenti:

  1. un macigno pesante da spostare
    proprio accanto al cuore

    RispondiElimina
  2. E' buffo perchè siamo nella stessa situazione.

    RispondiElimina